Musée des confluences

Vasaie d’Africa

Una mostra temporanea dal 28 giugno 2016 al 30 aprile 2017

“La ceramica è un’arte totale e nel suo impasto c’è tutto: la terra, l’acqua, il corpo, la tradizione, la vita quotidiana, il fuoco, i frammenti di bacinelle e gli dei”. Camille Virot

La mostra propone un viaggio alla scoperta delle vasaie dell’Africa occidentale e della loro produzione. Questo viaggio è stato compiuto da undici ceramisti 20 anni fa. Hanno raccolto ceramiche, diverse ore di filmati, note di viaggio e numerose fotografie che il museo ora conserva.

Questa mostra mette in evidenza una sessantina di queste ceramiche panciute, decorate con cura o, al contrario, lasciate volontariamente allo stato grezzo. Questi oggetti di uso quotidiano esprimono allo stesso tempo l’umiltà del quotidiano e una bellezza plastica che invita alla contemplazione. Rappresentano inoltre un appiglio per esplorare le abilità delle vasaie. Questo insieme di gesti è frutto di una trasmissione di generazione in generazione, che è riuscita ad adattarsi a usi sempre nuovi.

All’ombra della casa, in un cortile, da sole o in gruppo, queste donne danno forma, decorano e cuociono i vasi che vengono utilizzati in seguito in casa per conservare l’acqua, la birra, il vino, i cereali o per cucinare.

Grazie ai film e alle fotografie che costellano la mostra, possiamo seguire i loro itinerari, dall’estrazione della terra, all’origine di tutte le creazioni, fino al mercato, luogo di apertura verso il mondo.

© Association ARgile